Decadenza illimitata e sovranità limitata: oltre l’indecenza

0
127

Cosa vedi quando chiudi gli occhi? Una leviatanica estinzione nel nulla, il vuoto pneumatico. Multinazionali-Italia: 1-0, Banche-Italia:1-0, Identità nazionale: non classificati, Legalità-Mafia: 1-0, Bruxelles-Roma:1-0, Calcio-Modelle: tutti esperti! Ecco che cosa è un Paese privo di autonomia decisionale, privo di competitività, indebitato, screditato fino al midollo, in costante declino, smantellato, ma dove trionfa l’immigrato.

Perché manchiamo di reazione? Perché la grande percentuale della popolazione è composta da analfabeti funzionali-utili idioti, dove pure la scuola è in declino (Vah, problema che non riguarda solo l’Italia).

Un Paese frammentato e mai integrato che nella recessione si è ulteriormente suddiviso, e non disturbate la casalinga che deve rimestare il Ragoût e annaffiare il Pelargonium. In piena crisi economica non siamo stati chiamati a decidere se accettare una profonda trasformazione legata all’immigrazione di massa e alla fuga di massa dei nostri ragazzi all’estero. Nel lungo periodo la composizione etnica della popolazione si vedrà, e la dobbiamo finanziare pure noi. In questo momento vivono all’estero lo 8,6% degli italiani ovvero oltre 5 milioni e mezzo, di converso le risorse importate sono meno di 4 milioni, a questo si deve aggiungere che ogni anno muoiono di vecchiaia mezzo milione di italiani. Naturalmente gli italiani che se ne sono andati a cercare fortuna all’estero sono la parte migliore e non come nell’Ottocento i più poveri e derelitti. Sempre di converso non abbiamo importato laureati, ingegneri e medici, ma – quando va bene – addetti alle costruzioni, alla manutenzione, all’agricoltura e in generale a tutti i lavori umili, scomodi o poco pagati. Risulta evidente che in Italia si prepara uno scontro fra chi compete per lavori umili. Da una parte ci sono gli italiani rimasti che si dividono in due nette categorie: chi sta bene con lavori garantiti nell’industria, nell’indotto e nel pubblico, e chi invece è rimasto escluso dal sistema di redistribuzione del reddito parassitario e deve competere con le risorse nordafricane per i bassifondi.

Quindi sotto il controllo e le imposizioni di potentati e di interessi stranieri, i burocrati e i parassiti hanno deciso cosa diventerà in futuro l’Italia. https://www.senato.it/1025?sezione=136&articolo_numero_articolo=117: “La potestà legislativa è esercitata dallo Stato e dalle Regioni nel rispetto […] dei vincoli derivanti dall’ordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali”. Questa riforma impedisce l’emanazione di norme regionali -o di fatto le elimina se sono già state emanate – in conflitto con l’ordinamento UE, quindi viene prima il diritto comunitario (qua lo trovate meglio spiegato http://marcodellaluna.info/sito/2016/11/11/art-117-italia-sottomessa-a-berlino/).

Quindi la famigerata integrazione europea è un conferimento di sovranità a una comunità che è dominata dalla BCE e dalla Commissione Europea: ovvero il golpe dell’oligarchia finanziaria si è pigliato tutto il Paese. Ma se cessa il quantitative easing il sistema in Italia crollerà. E non siamo neppure sicuri a quanto ammonta il totale dei crediti inesigibili (che hanno in pancia le banche italiane) quindi se dovesse venire a galla la totale leviatanica montagna di merda di perdita sui crediti … altro che Troika. E come dice Marco Della Luna in “Oltre l’Agonia” : “al confronto con la politica e con le istituzioni italiane, una porcilaia è una camera sterile (pag.83)”.

Ma parlare di banche cattive è puro populismo, infatti le banche italiane si comportano esattamente in maniera conforme alle regole della società italiana: forti con i deboli e deboli con i forti. La stessa immigrazione in Italia è un problema falsificato, plasmato a misura delle necessità politiche e di pancia del popolo bue.

La classe dirigente di questo Paese vive bene solo in presenza di moltissime prede pressoché indifese, quindi quando appare un predatore più grosso il popolo si ritrova affamato. I nostri bravi cacciatori (classe dirigente) hanno sterminato praticamente tutta la fauna selvatica disponibile sul territorio. E cosa succede quando mancano le prede e il popolo ha fame? Semplice, si chiede il piano di ripopolamento – rigorosamente a nostre spese – liberando nuovi animali (migranti) da depredare un po’ ovunque. Se ne avessero ammazzati di meno in passato (imprenditori, aziende, professionisti, lista lunga di partite IVA…) avevano ancora qualcosa da cacciare, ma in Italia è noto che non c’è limite alcuno alla caccia. Così ora tutto quello che cacciano sono bestie importate: alcune sono selvatiche e altre sono di allevamento, ma quando arrivano qua in terra straniera si fanno prendere con una certa facilità (i più svegli e furbi fuggono e scappano nei boschi del Nord Europa dove ci sono altri territori di caccia). I pazzi che hanno voluto questo sistema a caccia sparano a tutto quello che si muove e da lì inizia il nuovo ciclo perverso. Dunque in questo sistema ci si ritrova davanti a brontolamenti di pancia contro un piano di ripopolamento. In qualche modo la fauna si deve ripopolare.

Inarrestabile declino o meritato destino? In questo Paese le rivoluzioni le hanno sempre fatte delle élite ristrette, che iniziano ad averne piene le palle del popolo bue. Popolo bue che si ritiene pensante e furbo perché usa l’iPhone, il computer, i social e si crede per questo qualcosa di diverso: ma sempre carne da cannone rimane. Il popolo sveglio è una minoranza esigua, e questa verrà controllata con repressione e paura. L’unica cosa certa è che continuerà ad aumentare la spesa pubblica, il tasso di mortalità, il debito pubblico e la tassazione. Quelli saranno sempre in aumento.

Alessia & Friends http://liberticida.altervista.org/ e http://www.orazero.org/

1 COMMENT

  1. e giustamente gli Ombretta Sdegnosa del Missipipì rifiutano di votare contro questi maiali sinistri. Che siano kompagni pure loro?

  2. Tradotto, quindi, non c’è speranza alcuna… di invertire la tendenza o ribellarsi non se ne parla! A questo punto, tu che faresti o suggerisci di fare?

    • Ehm su RC – su questo articolo – si sono dati una bella battaglia.
      Sei pensionato? Spagna e Portogallo (anche se qualcuno si è già trasferito in Croazia e ci sta pure bene).
      Hai un ottimo lavoro? Puoi pensare di rimanere qua, magari hai ancora i genitori anziani e non te la senti di lasciarli soli.
      Hai figli giovani? Falli studiare e mandali subito all’estero.
      Sei giovanissimo? Hai tante carte da giocarti, ma non qua.
      Da qualche parte avrai letto di sicuro che mio marito recentemente si è laureato per la seconda volta (impegno, sacrificio, paga le tasse, i libri e i viaggi, lavora e studia notte-sabato-domenica), al fine di avere una possibilità in più qua ma anche all’estero.
      Se poi vuoi rimanere qua, magari pensa a un posto in campagna, dove tenere orto & pollaio, magari ora sembra una idea folle ma lo stanno già pensando in molti. Alberi da frutto, un orto bello grande, conigli, galline, faraone. Altri sono organizzati da anni in gruppi di acquisto e il contadino ha la sua lista di clienti fissi e fornisce prezzi molto più bassi. Altri hanno in affitto una grossa ortaia a qualche km di distanza e la coltivano di persona, il contadino moderno fornisce anche sistemi di sicurezza anti-furto (alcuni hanno messo in sicurezza le zone date in affitto con recinti e telecamere). Altri in città sono organizzati e in terrazza fanno coltivazione idroponica con ottimi risulati, ma in vaso tengono veramente di tutto. Ovviamente tutto questo non basterà, io ho una casa con ottima classe enegetica ma quando vedo la bolletta dell’acqua mi chiedo se mi lavo con champagne… e lì davvero mi arrabbio.
      E poi io e mio marito siamo davvero fortunati perché entrambi – grazie al nostro posto di lavoro – siamo dotati di un fondo che copre le spese medico sanitarie e molto altro. Il fondo è una copia dell’assicurazione sanitaria privata che esiste altrove… Per noi è una vera fortuna, saltiamo pure lunghe file di attesa. E se non ci piace la struttura sanitaria offerta andiamo dove vogliamo e poi ci rimborsano il tutto con una piccolissima franchigia in breve tempo.
      C’è poi chi si dedica alle criptovalute, chi apre e chiude imprese senza lasciare nessuna traccia, e in futuro devi prevedere anche lo sviluppo massiccio della micro-criminalità e la intensa espansione dell’arte della truffa a ogni livello.
      Devi decidere se essere preda o cacciatore.

      • Sai che al rudere, con annessa collina e bosco, avevo già pensato anch’io una decina d’anni fa?
        La terra…
        Preda? …naaa, non suona bene.
        Hoka Hey!

        • Se davvero hai la possibilità economica di poterti permettere rudere+collina&bosco ti consiglio in questo periodo di fare tale acquisto. Poi come hanno fatto in molti lo sistemi bene e se non c’è internet c’è sempre Eolo https://www.eolo.it/home/copertura.html?gclid=EAIaIQobChMI24yUp4aI1wIVxgrTCh2BTwLQEAAYASABEgKnqfD_BwE
          Ovviamente un paio di fucili per la caccia ti serviranno. Crea una rete solidale con i vicini di collina per scambiare le merci in eccesso, o chiedi se già sono collegati a una qualche rete dove inseriscono le eccedenze agricole. E se sei davvero matto cerca info per produrre funghi o per allevare lumache, qualcuno si è fatto un discreto giro di affari. Cerca cose di nicchia, ricordati SEMPRE di far pascolare a gratis nella tua collina il pastore con pecore e capre: puliscono a gratis, fertilizzano,
          ti crei una consolidata alleanza con gli allevatori della zona (ma recinta l’ortaia in modo serio a tenuta di ungulati).

  3. Articolo con cui è difficile essere in disaccordo…..Solo qualche “centuria” spartana di troll foraggiati dalla war room pddina ancora cerca di nascondere queste tristi verità alla popolazione, ma ormai ci siamo e le prime avvisaglie di ciò sono sotto gli occhi di tutti. E’ vero il popolo è “bue” ma non perchè ragiona di pancia e se la prende con l’immigrato (tanto a breve ci si dovrà scontrare per forza se vuole mangiare, quindi tanto vale che si alleni), ma perchè nonostante tutto, è ancora dietro la tastiera (qualcuno) o davanti la TV (quasi tutti) invece che essere in Piazza armato di bastoni H24. Ce lo siamo dovuti veder insegnato anche dai Rumeni cosa vuol dire stare in piazza (vedasi tentativo del governo rumeno di approvare una sorta di Job act). In questo di sicuro siamo “buoi” o carne da macello….abbiamo perso qualsiasi dignità e rispetto per noi stessi e la voglia di combattere per ottenere quello che ci tolgono.

    • Vediamo sulla nostra pelle in un presente fatto di globalizzazione gli effetti di quello che abbiamo da giovani studiato sui libri di storia ai tempi della colonizzazione americana dall’Africa. Solo che adesso li mandano qui. E a noi ci danno un mondo in competizione continua basato sulla precarietà.
      I rumeni e aggiungerei i polacchi ma pure i catalani per diverse ragioni non ci pensano due volte se qualcosa non quadra. Qui ci sono le fazioni. Alla fine si tende ad accettare il minimo pur di non estinguersi, vedi i sindacati. Mi vengono in mente le proteste francesi alla loi du travail poi risoltasi (dicono i complottisti) con l’attentato di Nizza. E considerato che al tempo Macron stava già scaldando i motori…ma vabbè.
      Vedremo come andrà avanti, a quanto mi risulta so di manifestazioni magari piccole ma presenti quasi ogni giorno per diversi motivi di fronte al parlamento… mancherebbe solo il fischio d’inizio. Ma questo lo sai tu che stai lì.
      Speriamo, vediamo domani intanto cosa farà Mattarella…un saluto.

      • Buongiorno Paul. Si, confermo le manifestazioni. Ieri Crimi ha parlato in un palco dove si erano espressi prima di lui tutti i deputati di quel che resta della sinistra (quella vera non il Pd ovviamente). Era circondato da bandiere di rifondazione comunista e ha invocato l’unone delle persone che si oppongono a quello che è solo il prologo della fine della democrazia in Italia. E’ stato bello ed è quello che vado professando io da anni. Mai più dicotomie buone solo per dividere come ad esempio destra-sinistra, ma unione di persone sotto la bandiera della democrazia e delle buone idee. Una cosa buona è una cosa buona a prescindere. Mattarella è out. Renzie non l’avrebbe imposto come presidente se non avesse potuto “contare” sul suo silenzio…..Un abbraccio.

        • Eh, si, proprio quello che pensavo. ho seguito Travaglio in quella manifestazione (piazza Navona credo). Si alzano i toni su Mattarella, non sono sicuro che ci darebbe il mandato nemmeno se raggiungessimo la maggioranza relativa…
          Abbraccio corrisposto, a presto.

  4. tranquilli, in primavera ci saranno LIBERE ELEZIONI…col ROSATELLUM….AHAHAHAHAH HIHIHIHIH EHEHEHE OHOHOHOHOH AHAHAHAHA OHOHOHOHOH EHEHEHEH AHAHAHAH mamma mia stavolta m’affogo AHAHAHA….le EHEHEHEHEHE ELEZIONI AHAHAHAHAH col rosatellum AHAHAHAHAHAH

    • libere o no, ci sarà la possibilità di avere un parlamento di CD, e se mozzarella dovesse crepare, di avere pure un pdr di dx per 7 anni.

  5. Io non vedo speranze.
    E quando non vedo speranze il mio pensiero si fa sempre più radicale. La camicia di forza che mi stanno mettendo mi fa ribellare, come già successe tempo fa d’altronde, solo che si era più giovani.
    Io ho capito che tutto il marciume politico italico si sta lentamente ma inesorabilmente inginocchiandosi di nuovo al condannato per frode fiscale. Dopo le elezioni in Sicilia, non si sa come, hanno tutti affermato che il m5s ha perso e il vincitore era il nano. Strombazzate di entusiasmo per le strade e pazienza se intanto già uno è andato al gabbio, la processione continuerà tra l’indifferenza di tutti. L’importante era che i 5 stelle non entrassero nella stanza dei bottoni, perchè Fava era già pronto a stringere la mano a Cancelleri, il che sarebbe stata la rovina per la mafia, quella vera.
    Ed ora il tutto passa a livello nazionale. Già la legge l’hanno fatta proprio per lui, il satrapo, alle cui spalle adessa girano come avvoltoi quelli che il paese ce l’hanno in mano davvero, perchè lo hanno sempre avuto: il Quirinale. Che sappiamo tutti chi ci comanda: quelli che erano lì quando c’era Napolitano. Sempre loro. Da decenni a questa parte. Figuriamoci, ci voleva arrivare persino Andreotti.
    “Il Berlusca è l’unico che ci può salvare, il pagliaccio di Rignano ci ha tirato un bidone. Neanche capace di farsi approvare un c*azzo di referendum”.
    Se questo branco di squali continuerà imperterrito fino al 2023, ridurranno questo paese allo sfacelo totale. I segnali ci sono tutti e gli effetti anche.
    Il fatto è che la Sicilia stavolta non è l’Italia, nel senso che in questa legge elettorale più si è piccoli e meglio è. Una truffa usata come schiaffo al popolo che suda e sputa sangue in questo paese che dall’ essere una meraviglia in mezzo al mare più bello d’Europa diventa persino un paese da odiare e ripudiare. E vinceranno ancora loro. Anche i comizi sotto il parlamento lasciano dopo il folklore il tempo che trovano. La legge passa e non ci sono c*azzi.
    Ho letto da qualche parte che per avere la maggioranza assoluta bisognerebbe nella parte proporzionale arrivare al 70%, ma spero sia una fake. Al maggioritario basterebbe il 40. In ogni caso, dato che il tribunale di Bruxelles non assolverà il nano, a furor di stampa verrà proclamato il secondo salvatore della Patria, senza loden stavolta. Mario Draghi.
    Come dicevo all’inizio, io non vedo speranze.

    P.S: …e il pidi alle elezioni non prenderà più del 6%. Quando non servono più si buttano via.

    • Caro Paul…….immaggina che in questo momento ti stò stringendo la mano!!!! Hai ragionissima. Il tuo pensiero è lo stesso mio. E anche le mie speranze si affievoliscono. Non mi conforta il non essere parte di quella massa “picoretta” drogata da tv e talk di regime, che passa la sua vita ad ondeggiare tra un Berlusconi e l’altro con piccoli intermezzi di Renzie. Non mi conforta “l’aver capito prima”…tanto poi ti giri e vedi ancora troppi brancolare nel buio. L’ho detto anche io: tutte queste mosse politiche messe in atto dalle massonerie in questi ultimi tempi sono solo preaparatorie all’avvento del “secondo becchino” dell’Italia morente: Draghi. Alcune “ricette” previste da Monti (il “becchino originale”) non si sono potute realizzare (bontà loro) e quindi sono state rimandate “sine die”…..Il fiscal compact ad esempio. Ma alla fine l’europa ti impone di pagare e quindi cosa c’è di meglio di un altro bel governo tecnico 2.0 sostenuto da una robusta larga coalizione (irrobbustita dalla legge elettorale Acerbo 2.0)? Al solo pensiero che dopo nemmeno 3 anni, i titoli dei talk di regime siano “è il centrodestra di Berlusconi l’avversario dei 5 stelle” mi viene da vomitare…..sui miei compatrioti però. Penso che in Germania dove sei tu, si faranno delle risate guardando gli italiani correre sulla ruota del criceto……Un saluto.

      • Qui dove vivo mi vergogno a volte parlare dell’italia, il che aumenta il mio nervoso.
        Non sanno nulla, credono che italiani, greci e pigs vari siano semplicemente paesi debitori a causa di una malapolitica direi genetica e quindi ereditaria dei loro rappresentanti in parlamento, avvalorando la falsa teoria che un popolo ha il governo che merita.
        Ricordiamoci che l’ eugenetica nacque in America, poi importata con successo dal baffetto nazista con gli effetti che ben sappiamo.

        Una selezione naturale giustificata con l’impossibilità di mantenere classi sociali improduttive o dannose in un periodo di grave crisi economica (1929).
        In un futuro non troppo lontano si potrà persino avvalorare la tesi che sterminare popolazioni di paesi debitori non solo sarà permesso, ma persino auspicabile.

        Senza far entrare i carri armati a Varsavia o occupando Praga, basta far amministrare le proprie finanze alla BCE.
        Ci sono pericolosi segnali anche qui solo che li tengono nascosti, ma io con la gente ci parlo… i loro media sono fantastici nel mettere la polvere sotto il tappeto. A differenza di noi, che stiamo lentamente ma inesorabilmente crollando, faranno un tonfo che neanche i Lehmann Brothers ( famoso gruppo di funky music 😉 ) fecero al tempo.

        E sarà troppo tardi per tutti.

        Io tengo sempre le antenne alzate, non vorrei trovarmi al posto sbagliato nel momento sbagliato…si vedrà.

        La vita è una continua lotta per la sopravvivenza che comincia con il primo vagito con cui si viene al mondo.
        Un abbraccio.

        • Beh, diciamo che un pochino mi rinfranca sentire che anche in Germania qualcosadi “umano” esiste..):):). Se anche le banche tedesche si sono date da fare coi derivati ho idea che il “botto” sarà grosso eccome. Come dici tu, noi lottiamo per la sopravvivenza…..anche se ogni tanto subentraun pò di stanchezza. Comunque ci manterremo “dinamici”….mia moglie sogna di trasferirci in Irlanda….Un abbraccio. Ora vado al negozio, mentre tanto per tirare su il morale, piove!!!

          • La Germania è in mano alle banche tramite i derivati…non ho dati reali in mano ma ho sentito parlare di 55.000 miliardi di euro, fa’ un pò te….
            Un saluto, torno anch’io al lavoro adesso…

          • Buongiorno Paul. Secondo me è proprio l’arma con cui le massonerie ricattano la Germania. Deve mantenere il suo ruolo di “vampira d’europa” nei confronti dei paesi più deboli (Grecia e Italia in primis) altrimenti vanno in “pagamento” i derivati…L’Irlanda è un paradiso. Io emiamoglieci siamo stati già 2 volte e non è detto che non ci si vada ancora….Un abbraccio.

          • La verde Irlanda mi pare un’ottima soluzione. sicuramente lì i giornalisti non rischiano di venire ricoverati al pronto soccorso per un’intervista.

  6. La Banca D’Italia quando eravamo Sovrani e padroni a casa nostra, per il Paese, si oliava il meccanismo, si stampava moneta per arginare la crisi economica. Adesso paghiamo lo scotto alla UE alla Merkel.
    Possiamo cambiare Governi e partiti tutti quanti dal primo all’ultimo servono Bruxelles e se ne fregano dei problemi di molti cittadini che non arrivano a fine mese sempre che “abbiano un lavoro” quindi per non continuare a pasturare l’Europa che unita non è, meglio staccarsi dall’inganno per tornare ad essere l’Italia che tutti conoscevano i famosi anni 80. Apriamo le braccia a gente che non dovrebbe rimanere nel territorio, chissà perchè il Vaticano continua a spararle grosse, tanto paghiamo noi. Ecco dove sta la sovranità, insieme alla finta solidarietà.

    • la sovranità è stata mandata a ramengo nel momento in cui ci si è sottomessi all’europa a trazione tedesca. il meccanismo è talmente avviato che non si può fare assolutamente nulla se prima non si butta giù l’edificio dalle fondamenta marce chiamato europa.

      • ho letto il commento, rimane il dubbio che gli italiani non siano ignoranti per scelta ma servi di qualcuno per tornaconto personale, escludendo la percentuale di soggetti che non sanno scrivere ne leggere e preferisce parlare ancora nel 2018 in dialetto stretto, rimanendo chiusi mentalmente con una realtà a dir poco sofferente e limitata credendo a Santi e miracoli al posto di lavoro nel pubblico impiego oppure al mantenimento sociale….tengono famiglia.

  7. se guardo la foto come visione dall’alto, chiudo gli occhi pensando di essere una bomba teleguidata che cade sul Parlamento. Il numero di morti sarebbe limitato agli “inutili” ironicamente parlando. Che dite sono un complottista o realista?